it.ezyguidance.com
Idee Per La Vita Sana

La dieta di eliminazione di 21 giorni per identificare le sensibilità alimentari e le malattie del mistero di estinzione

Le sensibilità alimentari non causano solo una serie di reazioni spiacevoli che influenzano la vita di tutti i giorni, ma possono avere implicazioni a lungo termine per la salute generale.

Così tante persone hanno intolleranze alimentari che stanno causando stress ai loro corpi, eppure non lo sanno nemmeno! Queste intolleranze portano a problemi come il gonfiore e il disagio digestivo, IBS, emicrania o mal di testa, affaticamento, condizioni della pelle come eczema, dolori e dolori, problemi di sinusite o respiratorie e una sensazione generale di salute subottimale.

Se si soffre di uno di questi problemi o di altri per i quali i medici non hanno individuato una causa specifica, potrebbe valere la pena verificare la sensibilità al cibo. Chiunque abbia una condizione autoimmune o con una nota allergia alimentare che sta ancora vivendo sintomi, dovrebbe anche dare un'occhiata più da vicino alla loro dieta.

Fortunatamente, non devi spendere una piccola fortuna per scoprire queste sensibilità! Con un po 'di lavoro investigativo e un po' di tempo, scoprirai cosa non è d'accordo con il tuo corpo grazie a un fantastico strumento diagnostico noto come dieta per l'eliminazione .

Una dieta di eliminazione - Lo standard d'oro

Generalmente considerato come il "gold standard" quando si tratta di smascherare le intolleranze alimentari nascoste, la premessa della dieta di eliminazione è semplice: eliminare determinati alimenti per un periodo di tempo (solitamente da 21 a 28 giorni), quindi reintrodurli lentamente a intermittenza e prendere nota di eventuali reazioni avverse o sintomi che si verificano.

L'obiettivo è quello di individuare esattamente quali alimenti causano problemi di salute, in modo da poterli ridurre o eliminare completamente dalla dieta.

Sebbene i test allergologici, ad esempio sotto forma di campioni di sangue o di patch test, siano più rapidi e più semplici rispetto a una dieta di eliminazione, possono essere costosi e i risultati sono spesso incoerenti e inaffidabili.

Le diete di eliminazione forniscono anche maggiori motivazioni per abbandonare alimenti problematici come il pane o il gelato, poiché gli effetti positivi di rinunciare a questi articoli sono rapidamente sperimentati. Lo stesso non si può dire per aver letto i risultati dei test del sangue da una stampa!

Un processo in due fasi

Nel suo formato più elementare, una dieta di eliminazione consiste in due fasi: la fase di eliminazione e la fase di reintroduzione, che sono descritte più dettagliatamente in seguito, ma prima è necessario prepararsi.

Preparazione

Certo, è difficile svegliarsi e iniziare questa dieta senza un po 'di pianificazione anticipata, quindi dovrebbe essere presa in considerazione anche la fase di preparazione. Tieni a mente il vecchio adagio " non riesci a preparare, preparati a fallire "!

Per prepararti alla tua dieta di eliminazione:

  • Familiarizza con l'elenco degli alimenti che dovresti evitare e prendi nota degli alimenti "sicuri" che puoi mangiare durante l'esperimento. Anche la stampa di ricette adatte è utile.
  • Rimuovi tutti gli articoli non conformi dalla tua cucina o, se vivi con altri, sposta tutti questi oggetti in una credenza "vietata".
  • Fai scorta di cibi conformi e assicurati di avere a disposizione alcuni oggetti pronti da mangiare per quando la fame o le voglie colpiscono. Una varietà di frutta, verdure pre-tagliate con salse e barrette proteiche fatte in casa possono salvarti dal cadere dal carro e mettere a repentaglio i risultati della tua dieta.
  • Abituati a leggere le etichette dei prodotti alimentari e familiarizzare con i molti pseudonimi sotto cui si nascondono gli allergeni. Ad esempio, nomi come proteine ​​vegetali idrolizzate, maltodestrine e aromi naturali possono indicare che un prodotto contiene glutine (anche se questo dovrebbe essere chiaramente indicato in qualche punto dell'etichetta); e siero di latte, cagliata, concentrato di proteine ​​del siero del latte e caseinati sono tutti gli altri nomi del lattosio. Evitare cibi trasformati e creare da zero i tuoi oggetti è il modo migliore per ridurre il rischio di ingerire accidentalmente un cibo sospetto.

Una volta che hai seguito tutti questi passaggi e ti sei preparato mentalmente per intraprendere una dieta di eliminazione, sei pronto per passare alla prima fase del piano: l'eliminazione.

La fase di eliminazione

A questo punto, è il momento di rimuovere i trasgressori più comuni in termini di allergie alimentari. Poiché molte persone hanno allergie multiple, è importante rimuovere tutti gli elementi insieme, piuttosto che eliminarli uno per uno.

Gli alimenti più comuni rimossi dalla dieta includono:

  • latteria
  • Uova
  • Glutine
  • Mais
  • Soia
  • patate bianche
  • Pomodori
  • Agrumi
  • Arachidi
  • alcool
  • Caffeina
  • Oli vegetali (esclusi olio d'oliva, olio di semi di lino e olio di cocco)
  • Alimenti e carni trasformati, poiché molti additivi attivano i sintomi dell'intolleranza

Dovresti anche rimuovere tutti gli alimenti che mangi ogni giorno, come banane o pollo, perché potresti scoprire di essere diventato intollerante verso di loro semplicemente perché li consumi così frequentemente.

Anche se la lista sembra esaustiva, è lontana da ciò. Puoi soddisfare tutte le tue esigenze nutrizionali mangiando una dieta ricca di:

  • Grani e pseudo-cereali come riso, quinoa, miglio, amaranto e grano saraceno
  • Tutti i tipi di frutta e verdura comprese le patate dolci (esclusi quelli elencati sopra)
  • Frutta a guscio e semi (tranne le arachidi)
  • Fagioli e lenticchie
  • Carni biologiche e nutrite con erba
  • Pesce fresco
  • Tè alle erbe e succhi e frullati fatti in casa
  • Oli sani spremuti a freddo
  • Latte da latte senza lattosio come latte di riso non zuccherato, latte di cocco e latte di noci

La fase di reintroduzione

Mentre questa fase può sembrare confusa, è spesso inutilmente troppo complicata, ed è in realtà relativamente semplice.

Una volta che i tuoi 21-28 giorni sulla dieta sono aumentati (a seconda di quanto tempo impiegano i sintomi a diminuire), scegli semplicemente uno degli elementi che hai eliminato e reintroducilo.

Mangia una buona porzione di esso per un pasto e nota le reazioni nelle prossime 48 ore. Se non si verificano sintomi, riprovare e prendere nota di come si sente. Ancora una volta, se non si verificano reazioni avverse, è probabile che questo alimento non sia la causa dei propri disturbi e possa essere ricollocato nella dieta.

Passa ora a un altro cibo e reintroducilo esattamente nello stesso modo.

Quali sintomi cercare durante la dieta

La dieta di eliminazione funziona solo se ti sforzi di prestare veramente attenzione ai messaggi che il tuo corpo ti sta mandando. Durante tutte le fasi della dieta, dovresti prendere nota di come ti senti. Non cercare solo i segni che i tuoi disturbi - come emicranie o PMS - sono migliorati. Sii consapevole anche di tutti gli altri cambiamenti - in termini di livelli di energia, qualità del sonno, memoria, umore, condizione della pelle, salute dell'apparato digerente, benessere generale ecc.

Durante la fase di eliminazione, potresti inizialmente sentirti peggio e soffrire di maggiore stanchezza, eruzioni cutanee o mal di testa. Questa 'crisi di guarigione' tende ad indicare che la dieta sta funzionando e il tuo corpo sta rimuovendo le tossine causate da cibi che non sono d'accordo con te. Una volta che il corpo si è sbarazzato di queste tossine, inizierai a sentirti molto meglio. (Naturalmente, se i sintomi sono estremi o persistono per più di 10-14 giorni, consultare il medico.)

Durante la fase di reintroduzione, dovresti prestare particolare attenzione ai cambiamenti nella tua salute e allo stato generale di benessere in quanto questi potrebbero indicare i tuoi alimenti problematici. Anche i cambiamenti apparentemente positivi a questo punto, come l'aumento di energia, dovrebbero essere notati. Questi possono in realtà avere implicazioni negative sottostanti, in quanto possono essere la risposta del tuo corpo allo stress provocato da un particolare alimento.

Ci sono un paio di strumenti che possono aiutarti a localizzare anche i cibi trigger. Questi sono:

Un diario alimentare

Durante l'esperimento, registra i dettagli dell'assunzione di cibo, l'energia, l'umore e i sintomi psichici e cerca i modelli in relazione ai tempi della risposta e all'assunzione di cibo. Procurati un diario alimentare per tenere traccia.

Pulse Test

Poiché la sensibilità alimentare crea una risposta allo stress nel corpo, testare la frequenza cardiaca a riposo dopo aver mangiato un potenziale problema alimentare può darti una maggiore comprensione della reazione del tuo corpo ad esso.

L'immunologo Dr. Arthur Coca ha ideato questo test nel 1956, ed è ancora usato da molti professionisti della salute naturale oggi.

Basta registrare il polso ogni giorno prima di alzarsi, prima di andare a dormire, prima di ogni pasto e ad intervalli di 30 minuti dopo ogni pasto per i primi 90 minuti. Un aumento di 10 o più battiti nella frequenza cardiaca a riposo è un segnale di sensibilità alimentare, specialmente se si notano anche altri sintomi.

Mentre il test del polso non è affatto una scienza esatta, ed è considerato inaffidabile da alcuni, può essere utile se usato insieme a una dieta di eliminazione correttamente eseguita e al diario alimentare.

Rimozione di alimenti a cui sei sensibile

Quando si manifestano sintomi di intolleranza a un determinato alimento dopo la reintroduzione, è necessario rimuoverlo dalla dieta. Nel suo libro The Allergy Handbook, l'esperto di allergia Keith Mumby spiega che molte persone possono incorporare tali alimenti nella dieta dopo averli evitati per un certo periodo di tempo.

Suggerisce di evitare il cibo per almeno sei mesi prima di tentare di reintrodurlo. Se si verificano ancora i sintomi, eliminarlo per un altro periodo di 12 mesi. Se, dopo questo tempo, ti causano ancora problemi, è improbabile che tu possa mai più tollerare quel cibo.

14 motivi per avere una tazza di tè alla camomilla in questo momento

14 motivi per avere una tazza di tè alla camomilla in questo momento

Oh, il rumore della pioggia su un tetto di lamiera, o il fruscio delle foglie in un gelido pomeriggio autunnale. Entrambe queste cose potrebbero farti desiderare di sederti e rilassarti con una tazza di tè caldo.Sorseggiare il tè non è una nuova arte e innumerevoli culture lo fanno da secoli. La storia del tè si estende fino al suo luogo di nascita, la Cina. Un

(Salute)

Lascia fare scatti!  10 potenziamenti energetici potenziati che devi provare

Lascia fare scatti! 10 potenziamenti energetici potenziati che devi provare

Quando la maggior parte delle persone sente parlare di scatti, pensano a quelle pazze notti al bar o in spiaggia durante le vacanze di primavera. Ma gli spari di cui stiamo parlando sono buoni per te! Invece di intorpidire la tua mente con tequila, rum, vodka o quello che hai, questi scatti sono carichi di sostanze nutritive che miglioreranno la tua salute in molti modi diversi

(Salute)