it.ezyguidance.com
Idee Per La Vita Sana

11 passaggi per avviare il proprio vigneto biologico Backyard

Sempre più persone si rivolgono al giardinaggio in giardino con l'obiettivo di aumentare le proprie colture e diventare più autosufficienti. Un'area che ha visto un sacco di crescita è la vigna biologica del cortile. Avere un vigneto su piccola scala è un po 'diverso rispetto alla coltivazione di alcuni grappoli di uva da tavola, anche se le pratiche sono simili.

Il processo è inizialmente laborioso, in quanto dovrai scegliere una posizione, preparare il terreno e mettere le strutture in posizione che sosterranno il vigneto, ma se fai molta attenzione durante questi passaggi, il risultato finale sarà più che degno .

Detto questo, coltivare una vigna nel tuo giardino non è così scoraggiante come potrebbe sembrare. Qualsiasi lavoro d'amore richiede una certa quantità di ricerca e lavoro. Mentre ci sono molti libri sul mercato che possono aiutarti in questo sforzo, il tuo tempo sarebbe meglio speso parlando con altri coltivatori locali, imparando quali ostacoli hanno affrontato e quali trucchi hanno imparato. Un viaggio nel tuo ufficio di estensione locale può anche essere inestimabile dato che avranno informazioni sui tipi di uva che crescono meglio nella tua zona. Avranno anche informazioni su come affrontare i parassiti e le malattie locali.

Coltivando un vigneto biologico .

Il governo degli Stati Uniti ha stabilito delle linee guida per ciò che è permesso affinché ogni coltura alimentare sia certificata come biologica. Alcuni stati possono avere anche i loro regolamenti. Verifica con la tua legislazione statale per scoprire cosa costituisce il biologico nella tua regione. Un vigneto subirà un processo di test e approvazione prima che possa essere concessa una certificazione biologica. In generale, dovrai evitare l'uso di prodotti sintetici inclusi fertilizzanti, integratori del suolo, pesticidi, erbicidi e antibiotici. Il terreno dove cresce la tua vigna dovrà essere libero da questi prodotti proibiti per 3 o più anni in quanto queste sostanze chimiche possono lasciare residui duraturi nel terreno. Non è possibile utilizzare semi geneticamente modificati e sarà necessario conservare registrazioni dettagliate relative ai metodi di produzione e alle vendite. Se coltivate altre colture non biologiche, devono essere separate dalle colture biologiche. Per ottenere la certificazione biologica, sarai sottoposto a test periodici e ricertificazioni per assicurarti di seguire ancora le pratiche organiche. Questa può essere una pratica lunga e costosa per il giardiniere del cortile.

Coltivando un vigneto sostenibile.

Simile a ma meno rigido rispetto alle certificazioni di coltivazione biologica è la possibilità di crescere in modo sostenibile. Questo può essere più adatto alla maggior parte dei vigneti di cortile in quanto non vi è alcuna definizione legale o processo di certificazione coinvolti. I metodi biologici possono ancora essere utilizzati, ma un vigneto sostenibile incorpora anche le pratiche di conservazione dell'acqua e dell'energia, oltre a consentire al proprietario di casa di fare delle scelte su ciò che funziona meglio nel suo vigneto.

11 passaggi per avviare il proprio vigneto Backyard:

1. Scelta di una posizione.

Ci sono molte cose che vanno nella scelta della posizione giusta per la tua vigna. Il fattore più importante è che l'intero vigneto è in grado di ricevere almeno 8 ore di luce solare ogni giorno. Cerca ostacoli come alberi, siepi e edifici che potrebbero ostacolare questo requisito. Senza le 8 ore di sole, le piante non prospereranno e le uve saranno meno e di qualità inferiore. Mentre le viti nella tua vigna biologica possono crescere bene su un terreno collinoso, renderanno più impegnativo la raccolta, la potatura e la manutenzione. Prova a scegliere un pezzo di terreno pianeggiante per facilitare la cura delle tue piante.

2. Controlla il terreno .

Le uve non sono eccessivamente particolari sul suolo in cui crescono, ma per ottenere il massimo dal tuo vigneto biologico, ti consigliamo di controllare il tipo di terreno e il suo pH. Le viti preferiscono un terreno neutro. È un terreno con un pH di circa 7. Puoi scavare un buco nella zona in cui intendi piantare e poi prendere raschiature dai lati della buca. Mettili in una cerniera di plastica, un sacchetto di tipo sandwich. Un kit di test del suolo di casa (come questo su Amazon) può farti sapere abbastanza velocemente qual è il tuo livello di pH o puoi contattare il tuo ufficio di estensione agricola per le raccomandazioni su un laboratorio locale di analisi del suolo. Una volta ottenuti i risultati, l'ufficio di ampliamento può aiutarti con consigli su eventuali trattamenti del terreno necessari per portare il pH del terreno in linea con quello di cui hai bisogno. Dovrai anche evitare terreni molto carichi di pietre o argillosi, in quanto le uve non si comportano bene in questi terreni. Se in passato l'area è stata in grado di produrre una vegetazione sana, probabilmente le tue viti andranno bene.

3. La dimensione del vigneto.

La dimensione di qualsiasi vigneto biologico del cortile è soggettiva, ma ricorda che ci vuole un bel po 'di uva per fare una sola bottiglia di vino. Ci vorranno circa 120 viti per produrre abbastanza vino per riempire un barile da 60 galloni. Per raggiungere questo volume, avrai bisogno di un'area di circa 50 'per 50' che soddisfi le condizioni del sole e del suolo sopra descritte.

4. Scegliere il vitigno.

Per fare il vino, dovrai scegliere una o due varietà di uva che vuoi coltivare. Il fattore più importante da considerare qui è il clima in cui le vostre uve cresceranno. Nei luoghi in cui la stagione di crescita è più fresca con temperature medie di 50˚ - 60˚ F, le uve Riesling vanno bene. Viceversa, nei climi più caldi dove le temperature medie sono 85˚ - 95˚, Cabernet e Zinfandels fanno meglio. Nei climi temperati dove le temperature variano tra i 60˚ e gli 85˚, il Merlot, il Cabernet o lo Chardonnay possono prosperare.

5. Installare il sistema a traliccio a scelta.

Un traliccio è un supporto strutturale per la vite. Il tipo di traliccio scelto dipende dalla posizione, dal tipo di terreno, dalle abitudini di crescita e dal numero di viti e dalla spaziatura tra le piante. L'obiettivo del traliccio è di fornire a tutte le viti l'accesso al sole per tutte le 8 ore di cui hanno bisogno e un buon flusso d'aria tra le viti. Un traliccio in stile recinzione è più popolare tra i coltivatori di uva da cortile. Permette alle viti di avvolgere facilmente attorno ai pali e alle rotaie. Il recinto deve fornire ampio spazio tra le rotaie e le colonne in modo che, mentre la vite si avvolge attorno a loro, abbia ancora accesso alla luce del sole e all'acqua. Potatura e raccolta sono facilmente realizzabili con questo design perché puoi lavorare su entrambi i lati del traliccio.

6. Approvvigionamento idrico.

Le viti dovranno essere annaffiate regolarmente. L'acqua del tuo tubo da giardino è sufficiente nella maggior parte dei casi, ma se stai andando per un vero organico, potresti voler far testare l'acqua. Un sistema di irrigazione a goccia è il modo più efficiente ed efficace per assicurarsi che il vostro vigneto biologico del cortile riceva la giusta quantità d'acqua al momento giusto. Un sistema di irrigazione a goccia fornisce acqua alle radici dove è più necessario e lascia le viti e il frutto asciutti, evitando così muffe, funghi e problemi di muffa.

7. Piantare le viti.

Il buco per piantare le tue nuove viti in è abbastanza universale per tutti i tipi di uva a circa 8 cm di profondità. La spaziatura tra le piante è un po 'più complessa. Tenendo presente che le piante hanno bisogno di spazio per crescere in modo che possano ricevere un buon flusso d'aria e la luce del sole in ogni momento, l'unico altro fattore determinante è il tipo di suolo. In una regione secca e arida, le piante possono essere distanti tra loro da 4 a 6 piedi. Se il terreno è fertile e il clima è caldo con molta acqua, ci sarà una crescita più vigorosa e avrai bisogno di 6-8 piedi tra le piante nella stessa fila. La spaziatura delle file ha a che fare con la manovrabilità e preservando quelle 8 ore di sole. Ad esempio, se il tuo traliccio è alto un metro e ottanta, avrai bisogno di un minimo di 5 piedi tra le file per evitare che una riga proietti un'ombra sul successivo. Questa distanza consente inoltre di avere libero movimento tra le file per scopi di raccolta e manutenzione.

8. Allenare le viti.

Una volta piantate le viti, il passo successivo è addestrarle a crescere sul traliccio. La vite ha bisogno di un tronco forte e dritto e un sistema di radici sano. Mentre cresce verso il cielo, si possono usare pali di legno per sostenere la vite giovane. Eliminare i germogli più deboli permetterà alla pianta di mettere più energia per far crescere il tronco dritto e forte. Non legare il tronco principale a nulla, poiché la corda o le cravatte di plastica possono incastrarsi nel bagagliaio mentre cresce. Mentre la vite raggiunge le linee di recinzione, i nuovi germogli possono essere delicatamente legati ai binari o ai cavi per incoraggiarli a spirale attorno ai supporti. Una volta aggrappati, le stringhe o le fascette di plastica possono essere rimosse.

9. Potare le tue viti .

Il primo anno è il più importante per la vigna da cortile biologica quando si tratta di potatura. Questo è quando viene creata la modellazione permanente. Le nuove piante di solito vengono con 2-3 tiri attivi. Alcuni coltivatori preferiscono lasciare che la vite cresca naturalmente per il primo anno in modo da avere più di una selezione l'anno successivo quando si selezionano le viti per mantenere o potare. Un possibile inconveniente è che la pianta può diventare cespugliosa durante il primo anno e non ottenere l'aria e la luce del sole adeguate. Usare discrezione durante la potatura durante la prima stagione di crescita.

Durante l'inverno, le viti perdono tutte le foglie e diventano dormienti. Da quel momento in poi, le viti saranno chiamate canne. Uno di questi sarà scelto per stabilire il tronco principale. Circa un mese prima che arrivi la primavera, rifila la pianta in modo che abbia solo 1 o 2 canne forti. Fissare il bastone del tronco al palo di allenamento e tagliare via eventuali colpi deboli o indesiderati. In questa stagione, dovrai sviluppare da 4 a 6 germogli sani.

Durante il periodo dormiente dell'anno successivo, rifilerai questi bastoncini a solo 2 e li allenerai orizzontalmente lungo il filo o il binario di fruttificazione. Queste due canne dovrebbero produrre da 8 a 10 nuovi germogli che dovrebbero essere addestrati agli altri 3 fili o binari. Potenzialmente, questi potrebbero dare i loro frutti nella stagione successiva. Dopo questo, dovrai solo monitorarli per danni o malattie e potare di conseguenza. Una buona potatura dovrebbe essere fatta circa una volta ogni tre anni dopo.

10. Controllo dei parassiti e delle malattie .

Parassiti e malattie varieranno da una parte all'altra del paese. Durante i primi anni, prima che inizi la fruttificazione, questo non è un problema. Entrambe le questioni possono essere affrontate praticando una buona gestione della chioma. Tutti i gambi, le foglie e i grappoli d'uva che crescono dalle 2 canne principali costituiscono la chioma. Durante l'estate, vorrete assottigliare e posizionare questi componenti in modo che l'intera chioma abbia un buon flusso d'aria e riceva la giusta quantità di luce. Questo può prevenire molte malattie fungine che possono prendere piede quando le viti sono sovraffollate.

Verificare con i coltivatori locali e il proprio ufficio di estensione le misure organiche da utilizzare per combattere le popolazioni di insetti locali. Ricorda che non tutti gli insetti sono cattivi. Dovrai valutare la loro presenza e determinare se il loro numero è eccessivo o causare danni. Quando si tratta di uccelli, la rete sulle viti può proteggere i tuoi frutti.

11. Raccolta delle uve.

Come nuovo coltivatore di vigneti da cortile biologico, ci vorranno alcuni anni prima di fare il tuo primo raccolto, ma quelle prime uve dolci saranno la ricompensa per i tuoi anni di lavoro. I produttori di vino dovrebbero pianificare la raccolta di grappoli d'uva completamente maturi e privi di malattie nelle prime ore del mattino durante il mese di agosto. Dovrai tenere il contenitore in cui hai messo le uve raccolte da foglie, ramoscelli e altri detriti che potrebbero danneggiare il frutto. Al fine di portare il raccolto in tutto allo stesso tempo, potresti voler invitare alcuni amici e familiari a darti una mano. Conserva il raccolto in un luogo fresco e ombreggiato finché non sei pronto per fare il tuo vino.

Come coltivare cibo gratis nelle scatole delle finestre: cosa coltivare e consigli per aumentare la produzione

Come coltivare cibo gratis nelle scatole delle finestre: cosa coltivare e consigli per aumentare la produzione

Ama il giardinaggio? Allora amerai il nostro nuovissimo libro Kindle: 605 segreti per un bellissimo e organico giardino biologico: segreti di un insider da una superstar di giardinaggio.Coltivare edibles in scatole di finestre è un ottimo modo per integrare la vostra dieta e far crescere del cibo delizioso e nutriente in uno spazio limitato.

(Giardino)

10 Miti di giardinaggio La maggior parte delle persone crede che ciò non sia vero

10 Miti di giardinaggio La maggior parte delle persone crede che ciò non sia vero

Se sei interessato a coltivare un giardino, ci sono molte persone che offrono consigli da internet, ai libri anche a quelli che conosci molto bene. Tuttavia, non tutti i consigli sono buoni consigli e alcuni sono semplicemente sciocchi. Separare il buono dal cattivo a volte è difficile, soprattutto se sei un giardiniere novizio.

(Giardino)