it.ezyguidance.com
Idee Per La Vita Sana

I pericoli nascosti della protezione solare chimica e cosa usare invece

Mentre ci viene spesso detto che coprire con la protezione solare è una delle migliori cose che possiamo fare per la nostra pelle, sta emergendo sempre più ricerca per dimostrare che questo potrebbe non essere il caso.

Anche se il numero di persone che usano la protezione solare ogni anno è in aumento, l'incidenza del cancro della pelle continua a salire in tutto il mondo. Ciò può essere dovuto al fatto che due terzi dei filtri solari analizzati dal Gruppo di lavoro ambientale (EWG) - tra cui molti marchi famosi - non hanno funzionato bene o contenevano ingredienti potenzialmente pericolosi.

E un documento, pubblicato sul Journal of Clinical Pharmacology and Therapeutics, afferma che:

"I filtri solari proteggono dalle scottature, ma non ci sono prove che proteggano dal carcinoma delle cellule basali o dal melanoma. I problemi risiedono nel comportamento delle persone che usano i filtri solari per stare fuori più a lungo al sole di quanto non farebbero altrimenti. In questo stadio, l'inibizione della vitamina D è improbabile a causa di un uso insufficiente da parte degli individui. La sicurezza dei filtri solari è una preoccupazione e le società di protezione solare hanno promosso l'uso di filtri solari in modo emotivo e impreciso. "

Ecco perché dobbiamo diventare molto più attenti a ciò che mettiamo sulla nostra pelle, a cominciare dai filtri solari. Ecco tutto ciò che devi sapere sulla protezione solare.

Non tutti i filtri solari sono uguali

Esistono due diversi tipi di filtri solari: antisolari chimici e antisolari. Entrambi hanno detto di fare lo stesso lavoro (cioè proteggerci dai modi dannosi del sole) ma lavorano in modi molto diversi.

I filtri solari chimici causano una reazione chimica che lavora per prevenire danni dai raggi UVA e UVB del sole. D'altra parte, i filtri solari minerali sono quasi come una barriera fisica: bloccano o "disperdono" i raggi dalla pelle.

Mentre alcuni scienziati sono preoccupati che i filtri solari minerali contenenti biossido di titanio o ossido di zinco in forma di nanoparticelle (al contrario della loro forma non-nana più sicura) possano essere abbastanza piccoli da entrare nel flusso sanguigno, ci sono molte più preoccupazioni riguardo agli ingredienti chimici per la protezione solare. Ecco sei dei più comuni:

Permea la pelle

Si stima che entriamo in contatto con qualsiasi tra 700.000 e 2.1 milioni di diverse sostanze chimiche tossiche al giorno - molte delle quali sono nei nostri prodotti per la cura della persona e della pelle.

Alcuni di questi pongono serie preoccupazioni per la salute, in particolare perché mettere le sostanze chimiche sulla pelle può essere peggiore di mangiarle, perché entrano nel nostro flusso sanguigno senza alcun filtraggio.

E della miriade di lozioni e pozioni che usiamo, i filtri solari chimici possono essere particolarmente preoccupanti poiché "la maggior parte è nota per permeare la pelle in una certa misura", secondo l'EWG.

Uno dei più comuni ingredienti per la protezione solare, l'ossibenzone, è stato rilevato dal CDC nei corpi del 97% degli americani testati. E due studi europei hanno trovato sostanze chimiche per la protezione solare nel latte materno - fino all'85% dei campioni testati - indicando che il feto ei neonati sono a rischio di esposizione a queste sostanze.

Imita e disturba gli ormoni

Sulla base della ricerca, molte delle sostanze chimiche più comuni utilizzate per la protezione solare - tra cui ossibenzone, octinoxate e omosalato - hanno sollevato il sospetto che possano imitare gli ormoni e interrompere il sistema ormonale.

Di questi tre, l'ossibenzone è di gran lunga la sostanza chimica più studiata per la protezione solare. In effetti, l'EWG elenca oltre 20 studi che citano l'oxibenzone come interferente ormonale e un legame tra alte concentrazioni di ossibenzone nell'organismo e un aumento del rischio di endometriosi e di basso peso alla nascita nelle figlie.

Uno studio del 2015, pubblicato sulla rivista Environmental Toxicology and Chemistry, dimostra che i pesci maschi esposti a concentrazioni più elevate di ossibenzone hanno sviluppato caratteristiche di pesce femminile e hanno mostrato livelli di estrogeni più elevati.

Nel frattempo, l'otttossato chimico è stato collegato alla tiroide e ai cambiamenti comportamentali negli studi sugli animali; mentre si pensa che l'omosalone distrugga estrogeni, androgeni e progesterone.

Provoca irritazione cutanea e allergie

Quelli con pelle sensibile o allergica dovrebbero fare attenzione al tipo di crema solare che usano come molti contengono conservanti irritanti, fragranze o sostanze chimiche che bloccano il sole. Le persone che usano spesso la crema solare, come i lavoratori esterni o le donne che usano prodotti per la cura della pelle contenenti filtri solari, dovrebbero anche essere vigili in quanto sono più a rischio di irritazione della pelle.

I sintomi dell'irritazione - come eruzioni cutanee, prurito, vesciche o gonfiore - non appaiono sempre immediatamente e possono richiedere alcuni giorni per emergere.

Un ingrediente da tenere in considerazione è un conservante chiamato metilisotiazolinone, o MI, che l'American Contact Dermatitis Society ha definito come "allergene dell'anno" nel 2013.

Rilascia radicali liberi

Dei oltre 1.400 filtri solari testati dall'EWG, oltre il 40% è stato elencato come potenzialmente a rischio di cancro della pelle.

Ciò può verificarsi perché alcuni di questi filtri solari contengono una forma di vitamina A e suoi derivati, retinolo e palmitato di retinile, che possono rilasciare radicali liberi dannosi per la pelle alla luce del sole, aumentando la velocità con cui si sviluppano le cellule maligne.

I filtri solari spray-on sono ancora più pericolosi

I filtri solari spray-on possono presentare alcuni pericoli unici in quanto possono essere inalati, il che può portare a ulteriori rischi non associati alle creme, secondo il dott. Henry W. Lim, presidente del dipartimento di dermatologia dell'Henry Ford Health System di Detroit.

Infatti, molti degli studi che evidenziano i pericoli delle sostanze chimiche per la protezione solare in realtà coinvolgono i soggetti che inalano o ingeriscono le sostanze chimiche, piuttosto che sfregarle sulla pelle. Questo è il motivo per cui la FDA sta studiando i potenziali pericoli dei prodotti spray-on.

Non regolato correttamente

Con così tante sostanze chimiche tossiche, ci si aspetterebbe che la FDA test rigorosamente e continuamente gli standard di sicurezza ed efficacia per gli ingredienti di protezione solare. Tuttavia, il Dr. Ax afferma che i filtri solari non sono stati regolati dal 1978 negli Stati Uniti.

Alternative naturali

L'argomento della protezione solare è certamente complesso. Esporre la pelle al sole non deve essere presa alla leggera. Dopo tutto, il cancro della pelle è la forma più diffusa di tutti i tumori negli Stati Uniti, e il numero di casi continua ad aumentare. Se si è esposti al sole per lunghi periodi di tempo, si consiglia la protezione solare sicura.

Ma se stai uscendo per qualche minuto alla volta, a seconda del tipo di pelle, potresti non aver bisogno di applicarlo. La protezione solare con un SPF di soli 8 ha dimostrato di ridurre la nostra capacità di produrre vitamina D ... del 95%! Si pensa che sia uno dei motivi per cui circa il 75% di noi è carente di vitamina D. Scopri di più sull'importanza della vitamina D e dell'esposizione alla luce solare qui.

Per fortuna, ci sono un certo numero di modi in cui puoi proteggere naturalmente la tua pelle senza l'uso di sostanze chimiche aggressive:

Acquisto di filtri solari minerali

Questi sono altrettanto efficaci ma nemmeno lontanamente pericolosi quanto le loro controparti chimiche.

Dopo rigorosi test, l'EWG raccomanda queste protezioni solari come le protezioni solari naturali più sicure e più efficaci che si possano acquistare.

Ecco cinque dei migliori:

  • Badger All Natural Sunscreen, SPF 30, Unscented
  • Tutta la protezione solare minerale visibile biodegradabile naturale di SPF 50 da sabbie tropicali
  • Crema viso Beauty By Earth con SPF
  • Balsamo biologico naturale Kiss My Face Mineral SPF 30
  • Suntegrity "5 in 1" Viso solare idratante naturale

Alimenti e integratori

Proteggi la tua pelle dall'interno! L'American Cancer Society afferma che, poiché il danno ossidativo può aumentare il rischio di cancro, il consumo di una varietà di antiossidanti attraverso fonti alimentari (piuttosto che integratori che sono spesso inefficaci) può aiutare a ridurre il rischio di cancro.

Mangia una dieta a tutto tondo per includere quanto segue:

  • Alimenti arancioni come carote, patate dolci, zucca e melone che sono ricchi di beta-carotene (vitamina A) e in grado di ridurre le scottature e le rughe.
  • Agrumi - contengono quercetina e vitamina C.
  • Spinaci, cavoli e altre verdure a foglia verde che sono ricchi di luteina.
  • Pomodori, cocomeri e peperoni rossi che contengono licopene.
  • Acidi grassi Omega 3, presenti nel salmone, olio di pesce, semi di lino, noci e olio di colza.
  • Gli alimenti ricchi di selenio (che è stato trovato per ridurre il rischio di morte per cancro della pelle del 50%) come noci del Brasile, noci e carne nutriti con erba.
  • Tè - che sono ricchi di antiossidanti. Ecco 17 fantastici tè alle erbe.
  • Bacche - le più alte fonti di frutta di antiossidanti.
  • Funghi trattati con pesce o UV - che sono ricchi di vitamina D, qualcosa che può avere un effetto protettivo contro le scottature e il cancro della pelle.
  • Olive, olio d'oliva, noci e semi - fonti ricche di vitamina E, ottimo per la cura della pelle.

Oli con SPF naturale

Un sacco di ingredienti naturali - alcuni dei quali probabilmente avete già in casa - hanno un fattore di protezione solare incorporato (anche se è difficile sapere quanta protezione offrono). Tuttavia, ogni piccolo aiuto consente di aggiungere questi alla tua bellezza e prodotti per la cura della pelle fatti in casa per le abilità di blocco del sole in più:

Olio di semi di lampone rosso - di tutti gli olii, l'olio di semi rossi di lampone può fornire una protezione UV ad ampio spettro, in quanto contiene vitamina E, vitamina A e acidi grassi omega.

Olio di semi di canapa - detto per offrire un SPF di circa 6, l'olio di canapa può essere usato sulla pelle o preso internamente per aumentare i livelli di omega 3.

Olio di Macadamia - anche creduto di avere un SPF di 6.

Olio di semi di sesamo - un SPF di circa 4.

Burro di karitè: ci sono tanti motivi per usare il burro di karitè, uno dei quali è il suo SPF di 4.

Olio di Jojoba: questo olio ha una miriade di usi per capelli e pelle, offrendo un fattore di protezione solare pari a 4.

Olio di cocco - con un SPF di appena 2, l'olio di cocco non sarà la tua prima linea di difesa contro il sole, ma è un ulteriore vantaggio di questo popolare ingrediente di prodotti di bellezza fai-da-te.

Ricette fatte in casa per la protezione solare

A seconda del tuo livello di esposizione al sole, una crema solare fatta in casa potrebbe essere proprio quello che ti serve. (Se sei fuori per lunghi periodi della giornata o hai una pelle particolarmente sensibile, potrebbe essere meglio investire in una protezione solare minerale non tossica, elencata di seguito).

Se fai una di queste ricette, tieni presente che l'SPF non può essere determinato con precisione e di solito è inferiore a quello dei marchi acquistati in negozio, quindi dovrai applicarlo più spesso, così come ogni volta che ti bagni.

Wellness Mama Crema solare fatta in casa - gli ingredienti includono olio di mandorle, olio di cocco, cera, ossido di zinco non-nano, olio di semi di lampone rosso, olio di semi di carota, olio di vitamina E e burro di karitè. Per una maggiore fragranza naturale, puoi anche infondere l'olio di mandorle con le erbe prima di aggiungere o aggiungere un po 'di cocco o estratto di vaniglia!

Scratch Mommy Sunscreen fai da te - questa è una ricetta essenziale per coloro che preferiscono un processo più semplice. È fatto con olio di cocco, olio di albicocca, cera, burro di karitè, ossido di zinco non-nano e vitamina E. Per coloro che preferiscono l'opzione più semplice di tutti, puoi anche acquistarlo online dal negozio di Scratch Mommy.

Ricetta per la protezione solare a tre ingredienti: prendi una lozione fatta in casa di alta qualità (come questa) e mescola l'ossido di zinco non-nano, insieme alla polvere di cacao per un po 'di bronzo naturale. È quasi troppo facile!

Lavanda solare Dr. Axe - in appena 20 minuti, questa ricetta è sufficiente per dieci applicazioni complete. Inoltre ha un profumo delizioso e lenitivo grazie all'olio essenziale di lavanda, all'olio di melograno, all'olio di cocco e al burro di karitè, oltre naturalmente all'ossido di zinco non-nano.

Altri suggerimenti su come evitare le scottature

Prima di dare uno schiaffo alla crema solare, considera se ci sono altri modi per proteggere la tua pelle. Potresti provare:

  • Coprendo - camicie, cappelli e pantaloncini proteggono la pelle dai raggi UV del sole, riducendo il rischio del 27%.
  • Indossare sfumature e un cappello - i tuoi occhi, e la tua pelle del viso sottile è più incline a danni del sole come rughe premature.
  • Evitare le ore di picco del sole, di solito dalle 11 alle 15, quando il sole è più alto nel cielo.
  • Rilassarsi all'ombra - mettersi al riparo sotto un albero o un ombrellone. Anche i neonati dovrebbero stare all'ombra, riducendo il rischio di ustioni multiple del 30%.
  • Controllo dell'indice UV - per aiutarti a pianificare le tue attività all'aperto al fine di prevenire la sovraesposizione solare.
  • Usando la protezione solare 'interna' - mangiando gli alimenti sopra elencati.
  • Quando si utilizza una protezione solare sicura, utilizzare a sufficienza - è necessario diffondere la quantità che potrebbe riempire un bicchierino ogni due ore per salvaguardare tutto il corpo. Se stai sudando o nuotando, è necessario riapplicare più regolarmente.
  • Se si brucia, utilizzare una miscela di aloe vera, olio di cocco e vitamina E per rinfrescare la pelle. Ecco alcuni altri rimedi per la solarizzazione.

10 motivi per mettere l'olio dell'albero del tè sulla tua pelle: batti l'acne, l'eczema e altro

10 motivi per mettere l'olio dell'albero del tè sulla tua pelle: batti l'acne, l'eczema e altro

L'olio dell'albero del tè è uno dei più ricercati di tutti gli olii essenziali. chemist Arthur Penfold discovered its powerful antiseptic properties back in the 1920s. Prodotto da un albero arbustivo conosciuto come Melaleuca in Australia, secondo l'Università di Sydney, si ritiene che gli aborigeni natali abbiano approfittato dei suoi numerosi benefici curativi per curare le condizioni della pelle per migliaia di anni prima che il chimico Arthur Penfold scoprisse le sue potenti proprietà antisettiche negli anni '20.Oggi

(bellezza)

Come l'olio di cocco fa meraviglie per l'eczema curativo

Come l'olio di cocco fa meraviglie per l'eczema curativo

L'eczema è una condizione della pelle in cui le eruzioni cutanee rosse, pruriginose e squamose compaiono sulla pelle. Le persone con asma e altre allergie sono più inclini ad esso. Visto più spesso nei neonati e nei bambini piccoli, di solito colpisce la pelle tenera sulla guancia, sul polso, sul gomito, sulle ginocchia, sulle mani e sui piedi.Se

(bellezza)